Missä talvi on? Where’s the winter?

Okey, ora non prendetemi per pazza quando chiedo l’inverno mentre ci sono dagli 0° ai -5° gradi. Il fatto è che non c’è neve, c’è solo questa dannatissima “ranta”. Nevischio, acqua mista a pioggia, paska. (merda). Oltre a irritarmi perché ogni mattina mi ritrovo lavata, crea uno schifoso strato di ghiaccio per terra che mi ha già fatto cadere una volta. Per non parlare di tutte le volte in cui ho dovuto aggrapparmi a qualcuno per non scivolare. A quanto pare dicono che questo sarà una sorta di “warm winter”. Ma dico, proprio quando ci sono io?!. Chiuso il capitolo meteo, vi racconto come me la passo. Come mi pare di aver già detto questo weekend l’ho passato ad Oulu, a casa di Joyce, l’exchange da Taiwan. La mattina mi sono svegliata di buon’ora (ma in ritardo :’) , così ho ingurgitato un po’ di caffè per arrivare viva alla fermata del bus, mi sono fatta un toast da portare via e Unto mi ha portato in macchina fino alla fermata per non farmi congelare, dato che c’erano -7 gradi. Questi piccoli gesti mi stupiscono ogni volta, mi sento fortunata ad aver trovato genitori finlandesi come i miei, per quanto alcune volte non riesca a comprenderli. Comunque dopo 2 ore e mezza di viaggio io e Matteo siamo arrivati a Oulu, dove ci aspettava Saara, la ragazza dell’associazione. Siamo andati a bere un caffè e fare uno spuntino dato che non avremmo potuto pranzare fino all’una, quando Joyce finiva scuola. E’ stato abbastanza piacevole, abbiamo chiacchierato e poi Saara ci ha portato a vedere un museo in cui c’era una bellissima mostra sull’arte della Lapponia. Io di quadri me ne intendo più o meno 0, ma quei colori mi hanno conquistato. All’una siamo andati a prendere Joyce e per pranzo abbiamo mangiato una pizza davvero enorme. :’) Ho notato che non riesco più a mangiare una pizza intera senza sentirmi morire, dannate porzioni finlandesi! Comunque verso le 3 il nostro “meeting” è finito e Joyce mi ha portato a vedere il “fat policeman” che si trova nella piazza del mercato. Image Dopo siamo entrate in una sorta di “mercato al chiuso” fantastico, pieno di prodotti tipici finlandesi. Mi sono ripromessa di tornarci quando sarò ad Oulu per prendere l’aereo per Milano, così potrò portare a tutti carne di renna e dolci 😀 Image   Image Dopo aver girato per negozi e preso un the caldo siamo andate in un centro commerciale in cui ci sarebbe stata una “christmas opening”. Si, a metà novembre :’) Con tanto di coro di bambini, babbo natale e fuochi d’artificio. Lì abbiamo incontrato due amiche finlandesi di Joyce, una delle quali conosce Merja. (Per la serie: quanto è piccolo il mondo.. O forse la Finlandia? 😀 ) Dopo aver fatto la spesa con i genitori di Joyce per le nostre cene italiana/ taiwanese siamo tornate (sfinite) a casa, abbiamo guardato “Una scatenata dozzina” (da quanto tempo!) e siamo andate a letto. Il sabato è partito con una lezione di italiano per Joyce (che cucciola, non riesce a dire la “r”) ahaha e con un po’ di shopping. Dopodichè siamo tornati nel “mercato al chiuso” e preso un caffè con “juustoleipä”. Letteralmente significa “formaggiopane” e giuro che non ho ancora capito se è formaggio o pane, comunque con la marmellata è strabuono :’)

Image

Tornati a casa ho fatto la mia pasta alla carbonara, che è piaciuta a tutti. Hanno fatto il bis e mangiavano come se non vedessero il cibo da anni, e io che mi preoccupavo perché era mezza improvvisata (con il bacon D:). Verso sera dato che ho detto che mi piace nuotare ma a Puolanka non c’è una piscina i genitori di Joyce ci hanno portato al centro sportivo vicino a casa loro. Dopo aver superato il trauma di dover fare la doccia nuda. (!!) e di non dover obbligatoriamente portare la cuffia, sono stata troppo felice di nuotare di nuovo! E in perfetto stile finlandese alla fine abbiamo fatto la sauna. Tornate a casa abbiamo fatto uno spuntino (strano eh?), ed ecco che arrivano i Joulutorttuja e i pipari, tipici dolci natalizi. Erano comprati al supermercato ma comunque buonissimi. Vi posto la foto dei torttuja :3

Image

La sera abbiamo mangiato le classiche salsicce finlandesi fatte sul fuoco e l’insalata, abbiamo visto un film, chiacchierato e nanna di nuovo. Mi ha stupito come non riuscissi più a dormire in un letto a due piazze ahah. Mi spiego meglio, la host-sister di Joyce è in Australia per 5 mesi e così ho dormito nel suo letto (grande quanto il mio in Italia), ma per abitudine al mio letto qui, che è strettissimo, ho dormito rannicchiata per tutta la notte ahah. La domenica sono tornata a casa verso le due e mi sono ritrovata a pensare “Casa dolce casa”. Questo mi ha fatto capire come finalmente dopo quasi quattro mesi comincio a considerare questa come la mia seconda koti. 🙂

Avevo voglia di raccontarvi il mio weekend, per il resto la routine procede e non c’è nulla di nuovo. Questo weekend saremo da Aino-Katri e la prossima è settimana di esami, quindi vedrò quando riesco ad aggiornare. Alla prossima, näkemiin! 😀

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...